I trattamenti più comuni

I farmaci vasocostrittori nasali

Per risolvere la congestione nasale si fa uso dei farmaci vasocostrittori, comunemente definiti “decongestionanti nasali”. I decongestionanti agiscono sui vasi sanguigni dilatati della mucosa nasale infiammata riducendone il volume (vasocostrizione). Questo porta alla riduzione della congestione e permette di respirare meglio per qualche tempo. Per il loro meccanismo d’azione non dovrebbero essere utilizzati per lunghi periodi di tempo. In particolare nei pazienti con malattie cardiovascolari (specialmente gli ipertesi) l’uso dei decongestionanti nasali deve essere di volta in volta sottoposto al giudizio del medico. L’uso dei vasocostrittori è controindicato nei bambini di età inferiore ai 12 anni ed è consentito in gravidanza e in allattamento solo dopo aver consultato il medico.

I cortisonici

Agiscono riducendo l’infiammazione, bloccando sia i mediatori dell’infiammazione sia l’aumentata attività delle cellule del sistema immunitario scatenata dall’allergia. Vanno prescritti dal medico e sono un importante rimedio nelle malattie allergiche.

Gli antistaminici

Contrastano l’azione dell’istamina, una delle sostanze più importanti nello scatenare l’allergia. Sono farmaci caratterizzati da un’azione rapida utili per lenire i sintomi delle riniti allergiche. Spesso utilizzati in sinergia con gli spray nasali.